mercoledì 8 dicembre 2010

Per la serie: si stava meglio quando si stava peggio

Per la festa vi segnaliamo un eccezionale fondo di Oscar Giannino sugli ambientalisti nostalgici che ancora oggi la menano con quanto si stava meglio quando si stava peggio.

Sappiate che se fosse dipeso da loro, tutto quanto è rappresentato in questo video non sarebbe mai avvenuto, sì, insomma, quella cosa chiamata progresso. Pensateci.

(il video è in inglese, ma il messaggio si capisce molto bene ugualmente)



Nota di colore: come si può notare, non facciamo di tutti gli Hans un fascio...

2 commenti:

Luca M ha detto...

I presupposti di questo bel ragionamento sono 2:
1) più denaro=vivere meglio;
2) tutto ciò sia possibile all'infinito.

Sulla prima si può avere visione contrastante. Povero non vuol dire fare la fame, vuol dire non produrre ricchezza intesa come PIL. Costruendo bombe produco PIL, consumando benzina stando col motore acceso nel traffico aumento il PIL. Non è così automatica la trasformazione col benessere, tant'è che da diverso tempo di parla di trovare un diverso indicatore oltre al puramente economico. Senza parlare poi di ricchezza paese e non ricchezza media.

Secondo punto. Dire che possiamo crescere all'infinito è una sciocchezza. Pensiamo alla devastazione prodotta dal consumismo che ci ha proiettati a questo "livello di benessere". E osserviamo cosa stiamo facendo: elettrodomestici che durano un terzo del tempo rispetto a quanto non fosse all'inizio del boom economico. E non è colpa della tecnologia, quella non mancherebbe, ma del business, del dover aumentare di anno in anno le produzioni. Conseguenza le materie prime si esauriscono e si accumulano rifiuti sempre più difficili da gestire.

Quindi per carità, prendete pure come riferimento quella bella animazione, ma non aspettatevi di trovare chissà quale verità all'interno.

Z.M. ha detto...

Il video della BBc è spettacolare!
Quanto alla storia della crescita infinita, beh, chissene e nessuno la sostiene. Mi acconto di un reddito di 40.000 euro annui. Basta non fare marmocchi, fare affidamento sulla tecnologia (fusione nucleare, risparmio energetico, nanotecnologia e biotecnologia) nonché colonizzare lo spazio. Quanto ai piagnoni nessuno vi vieta di andare a vivere in Amazzonia a coltivare la terra modello villaggio dei Puffi. Bye bye.

Related Posts with Thumbnails