lunedì 8 marzo 2010

Addendum biologico - Pubblicità ingannevole? No, grazie!

Dopo la nostra digressione sul cotone biologico, e su come tutto il business è paese, mi sono imbattuto in questa curiosa notizia che riguarda la Santa Fe Natural Tobacco e le sue sigarette prodotte con il 100% di tabacco biologico.

Nella notizia si legge che il Procuratore Generale della Pensilvania ha raggiunto un accordo con la suddetta ditta di sigarette "biologiche".
Tema del contendere il fatto che, visto che non risulta da alcuna parte che tali sigarette facciano meno male di quelle "convenzionali", si debba applicare sui pacchetti la seguente dicitura:

"Organic tobacco does NOT mean a safer cigarette"*

Verrebbe però da chiedersi cosa renda tale dicitura non applicabile a qualunque altro prodotto "biologico" **. Giusto?


(*) per i non anglofoni: "Tabacco biologico NON significa una sigaretta più sana"

(**) peraltro la non superiorità del biologico per se, era sancita anche dalla normativa europea sul biologico (articolo 10, comma 2), ma su questo torneremo. Non apriamo troppe finestre che, nonostante il global warming, fa ancora freddo.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

non trovate ironico che si voglia dare una parvenza di qualità superiore, quasi con una accezzione salutistica, attraverso l'uso del prodotto biologico ad una cosa come il fumo?

Ale

Lancillotto ha detto...

Il biologico un tempo era materia da esaltati e nessuno se lo filava.
Oggi invece che va di moda non c'è nessuna (beh, quasi) multinazionale che non ci veda del business e che non ci marci sopra. Dalla COOP alla qui presente industria dei tabacchi.

Come già si diceva per il cotone biologico (che hanno obbligato a coltivare): business is business.

Questa è gente che ha una foresta di peli sullo stomaco.

Sarebbe sì ironico, peccato che la gente spesso creda alle loro panzane.

Anonimo ha detto...

Fumo a parte..vorrei fare a voi esperti una domanda...leggendo qua e la mi sembra che gli OGM coprano una buona fetta di colture. Da quelle più in uso come dite nei vostri post (mais, colza, soia, cotone.ecc..) alle orticole (pomodoro, melanzana, patata,papaya, ecc) passando per il pioppo (se non ricordo male viene aumentate la % di lignina ad uso biomassa o per l'industria della carta). Cmq la mia domanda è se voi siete a conoscenza di piante OGM sviluppate per quel che riguarda le piante cosiddette officinali...cioè se esiste da qualche parte una menta ingegnerizzata a produrre più olio essenziale per esempio..grazie e scusate se non c'azzecca con il post.

Ale

Elisa ha detto...

Anche se è tabacco biologico fa venire il cancro lo stesso...non è solo per farle costare di più?
com'è che allora queste sigarette d tabacco biologico non vengono esaltate come tutti gli altri prodotti biologici?...immaginate la pubblicità...forse allora la gente ci penserebbe due volte a dire che biologico=più buono e più sano!!!

Piero ha detto...

L'errore dei fautori del bio, a mio parere, è stato di voler far leva sulla "pancia" (+buono, + sano, col sapore di una volta e via dicendo) piuttosto che sulla "testa". Il sistema organico dovrebbe consentire una migliore sostenibilità. Su questo si può facilmente essere d'accordo, basta pensare agli eccessi di fosforo e azoto che si cerca ora di ridurre. Gli argomenti per la "pancia", invece, offuscano questi argomenti e sono facilmente confutabili. Anche solo per questo i fautori del bio +sano, +buono ecc. dovrebbero smetterla, fanno solo danno e non se ne rendono neanche conto!

Related Posts with Thumbnails