venerdì 1 agosto 2008

Che tempo fa…

Una delle prime domande che ci poniamo ogni giorno, magari sorseggiando un caffè è: che tempo fa? Conoscere la risposta a questa domanda è fondamentale per decidere come vestirci, se è il caso di uscire in bicicletta o ripiegare sul più scomodo, ma asciutto, tram e molto altro ancora...

Una analoga domanda assilla la nostra industria mangimistica e di conseguenza tutto il comparto degli allevatori (mucche, maiali, polli,...), ma è riferita, più che al cielo, ai mercati internazionali e alle sue perturbazioni (apriti cielo!).

In particolare c'è una delle nuvole all'orizzonte che dà da pensare e la domanda che viene "naturale" è:
“cosa succederà quando le nuove varietà di soia e di mais GM saranno approvate per la coltivazione negli Stati Uniti e in sudamerica?”.

I nostri meteorologi è ormai da un po' che ci si stanno allambiccando ed il frutto delle loro elucubrazioni si trova ben sintetizzato in un agile report della DG (Direzione generale) for AGRICULTURE and RURAL DEVELOPMENT della Commissione Europea che descrive i vari scenari possibili e le conseguenze per i consumatori europei (cioè (ahi)noi).


6 - 1 - 0

La questione è abbastanza semplice. Se la UE continua con la tolleranza zero verso le varietà non ancora approvate nella UE (poco importa se reputate sicure dall'EFSA), il tempo previsto oscilla tra il temporale e l’uragano.


Until the bitter end

Se la UE non sveltirà il suo processo autorizzativo e insisterà nel non voler importare materiale GM (con soglia zero assoluto) sebbene autorizzato e coltivato in paesi da cui noi cronicamente importiamo innanzitutto dovrà:

1) sobbarcarsi un'immensa mole di analisi i cui costi ricadranno (ovviamente) su di noi: si badi bene, non per ricercare la presenza di alcune tossine oppure di pezzi di vetro o escrementi di ratto (questi due ultimi parametri pare non vengano esaminati, per cui per essi nella sicura UE non esistono nè soglie nè controlli!) ma solo un frammento di DNA che è stato considerato sicuro, ma la cui autorizzazione (con tutta probabilità) è arenata da qualche parte per cause tutte politiche.

2) rifiutare tonnellate e tonnellate di granaglie et similia sicure e di buona qualità per poi doversi interrogare su dove reperire (e con quali standard e costi) ciò di cui abbiamo bisogno. Per la cronaca l’Europa ha importato nel 2006 circa 36 Mt di soia e derivati. L’Italia 4 Mt. E' possibile sostituire la soia importata con produzione interna o con colture alternative solo per un 10-20%. Ed il resto? e se si dovesse arrivare ad un blocco delle importazioni, prima dagli USA e poi anche dall'america latina?


Immaginatevi la scena...

Un primo caso: “minimal impact scenario”, potremmo riuscire ad uscire dalla crisi senza grossi problemi a patto che la Cina non aumenti la sua domanda e che l’importazione dagli USA possa essere sostituita con importazioni dall’america latina.

In un secondo caso: “medium impact scenario”, ci troviamo costretti a bloccare le importazioni da Argentina e US e tentiamo di compensare con il Brasile. Usando tutte le contromisure, questo però lascerebbe comunque un deficit di 3,3 Mt.

Nel terzo e peggior caso “worst case scenario” ci suicidiamo bloccando l’importazione da tutta l’america latina, la UE si troverà così con un deficit di 25,7 Mt, anche dopo aver preso tutte le misure possibili per alleviare l’impatto.


Che ne sarà di noi???

Pur augurandoci che la Cina smetta di crescere e che il sud america decida, in controtendenza con il passato, di non adottare le nuove varietà di OGM molto probabilmente dovremo gestire o il medium o il worst case. Quali sarebbero dunque le loro conseguenze??

Stando ai "metereologi" il costo dei mangimi salirebbe del 22,8% o del 600%, rispettivamente. Niente male, no?

In conclusione, la zootecnia europea rischia di chiudere e ci ridurremmo ad importare carne di animali allevati all’estero, esattamente con quelle varietà di cui non tolleriamo una presenza di un seme su 1000. Bel risultato!

Diciamoci la verità, questa "strategia" europea sa tanto di surreale, quasi un condannato che si sta insaponando la corda con cui verrà impiccato.

Là dove finisce la logica, lì incomincia la politica europea sulle agro-biotecnologie, giusto per parafrasare un celebre detto najotto.

Buone vacanze!

4 commenti:

Andrea ha detto...

Sì insomma voi dite che si decideranno a togliere la tolleranza zero. Devo ammettere che sono un po' scettico. Paga troppo politicamente fare i duri e puri. Certo che se anche l'Europa se lo dice che è una cazzata, fa ridere o piangere il fatto che poi i politici se ne sbattano e, nonostante sappiano le conseguenze, continuino a vendere fumo agli elettori.

Buoni ultimi giorni (per me) di relax.

studentefreelance ha detto...

Siete stati citati sul mio blog: http://studentefreelance.blogspot.com/2008/08/il-blog-senza-ogm.html

complimenti per il blog

Alexandro ha detto...

Un saluto a tutto lo staff di BBB,
vi comunico che siete stati segnalati per la giornata mondiale dei blog. Venite a scoprirle alle 5 e mezza di oggi 1 settembre sul mio blog.
Inoltre mi complimento con voi per il vostro ottimo lavoro che ho adeguatamente citato parlando proprio della questione degli OGM.
Ciao

Lancillotto ha detto...

Vorrei ringraziarvi a nome di BBB! del supporto. Se avete segnalazioni o domande non esitate a contattarci. Per le segnalazioni bloggiche provvederemo prima o poi anche noi, anche se siamo presi dalle pratiche del rientro.

@Andrea
Carissimo, come puoi vedere dall'ultimo post che abbiamo fatto, la prassi è che se la raccontano e se la ridono tra di loro. Finchè, paradossalmente, avranno questi scagnozzi ben pagati che gli coprono le spalle si potrebbe arrivare al completo momento surreale in cui, dopo aver fatto crollare il mercato zootecnico interno grideranno di nuovo al lupo al lupo e daranno la colpa non alla surreale normativa che hanno creato, ma alle solite ed odiose multinazionali (che va sempre bene). Questa volta però speriamo che la gente non ci caschi. Ma se torna la fame in Europa credo che avranno poco da star allegri i nostri cari ragazzi.

Related Posts with Thumbnails